1 luglio 2019, primo consiglio comunale di Paderno Dugnano: Tutti parlano di “bene comune” ma ognuno a modo suo.

E’ stata in assoluto la frase più citata durante lo svolgimento del primo consiglio comunale dopo le elezioni di giugno: bene comune. Per la maggioranza nel bene comune ci stanno la partecipazione, la cura del territorio, le “periferie” (Villaggio A., le Zobbie, Castelletto e pure Palazzolo), la cultura, la scuola, l’ambiente e le aree dismesse, financo il diritto alla felicità e soprattutto tanto, tanto amore per la città.

Va ribadito che la partecipazione non può essere solo una enunciazione ma va costruita con atti concreti (sedi e spazi pubblici di incontro in tutti i quartieri ora mancanti) per le associazioni ed i cittadini.

Nel gioco tra maggioranza e opposizione, che ci è parsa poco coesa, ci si aspettava la dichiarazione “ma al primo turno abbiamo vinto noi” e i discorsi sull’opposizione costruttiva, un po’ meno l’attacco diretto all’assessore transfugo da parte del “Bruto di turno”. Anche per l’opposizione tanto amore e bene comune per Paderno.

Da parte nostra, visto che in questo consiglio comunale la sinistra è di fatto sparita, non ci accontentiamo delle definizioni generali, ma vedremo e giudicheremo direttamente le azioni di questa maggioranza centrista, una per una, supportandole o contrastandole. Ci assumiamo la figura di opposizione extracomunale, in una città dove il sindaco di tutti è di fatto stato eletto con la partecipazione di poco più di un cittadino padernese su cinque.

Rifondazione Comunista, Sinistra Anticapitalista e tutti i compagni che hanno sostenuto la lista Sinistra Alternativa nella recente campagna elettorale sono decisi a tener fede all’impegno preso con il programma presentato agli elettori. Siamo intenzionati a fare politica ed a collaborare con le associazioni presenti sul territorio e con le altre forze politiche della sinistra.

I problemi del nostro comune sono molti ma pensiamo sia importante lavorate da subito su questi temi:

  • sulle tematiche ambientali ci diamo l’obiettivo di costruire assieme ad altri gli “STATI GENERALI DELL’AMBIENTE DI PADERNO DUGNANO” che affrontino i problemi locali non perdendo di vista quello che sta succedendo con il riscaldamento globale;
  • sull’integrazione delle numerose comunità di “fratelli stranieri” presenti nel nostro comune la creazione di un FORUM PER L’INTEGRAZIONE che inizi un lavoro di integrazione reale;

 

  • sulle tematiche della mobilità e dei trasporti numerose sono le problematiche: dalla situazione della Rho-Monza, alle Metrotramvie, alla viabilità ed il collegamento con gli altri comuni non dimenticando la lotta contro l’aumento delle tariffe. Per questo proponiamo un FORUM MOBILITA’.

A tutte le realtà di Paderno Dugnano Interessate rivolgiamo un appello per una analisi e lavoro sui questi temi che da troppo tempo a aspettano di essere seriamente affrontati nella prospettiva di migliori servizi, tutela del territorio, rispetto della legalità e dei diritti civili.

A tutti i cittadini rivolgiamo l’invito ad essere presenti ed attivi negli spazi di partecipazione che auspichiamo, si apriranno nella nostra città, per rendere effettiva la parola cambiamento.

 

 

Precedente Tutti insieme appassionatamente contro l'urbanistica come progetto pubblico di governo del terrritorio! Successivo La Lista Sinistra Alternativa di Paderno Dugnano aderisce al CRES COMITATO RECUPERO EX-SNIA